By | Novembre 30, 2018
Pensaci Giacomino

Pensaci Giacomino- Oggi se una ragazza resta incinta al di fuori del matrimonio si ritiene la cosa normale e si pensa solo al bambino che arriverà ma ancora alcuni decenni fa, non molti, questa cosa era uno scandalo e per la famiglia una vergogna, attenuata soltanto dal matrimonio riparatore. Soprattutto nei paesini, nei piccoli centri il fatto era sulla bocca di tutti e la ragazza ritenuta una poco di buono, immaginiamo come poteva essere nella Sicilia Pirandelliana, oltre 100 anni fa, quando questa commedia fu scritta dal grande Maestro. Ecco Pensaci Giacomino.

Pensaci Giacomino Leo Gullotta

Leo Gullotta non ha bisogno di tante presentazioni, grande protagonista del Teatro italiano e anche di molti pezzi televisivi, è uno dei volti più conosciuti dal grande pubblico e uno degli attori italiani di maggiore rilevanza.

Pensaci Giacomino è una piéce teatrale scritta nel 1915 dal grande Maestro Pirandello, siciliano, che ha saputo sempre portare nelle sue opere lo spaccato reale, talvolta impietoso del suo popolo e del popolo italiano più in generale della sua epoca.

Leo Gullotta protagonista

In questa commedia Leo Gullotta è protagonista e interpreta il “Professor Toti” e la sua entrata un scena, nei teatri di varie città dove è stata portata già sul palco questa commedia, è sempre seguita da applausi a scena aperta.

L’attore, conterraneo di Pirandello, pur essendo, ovviamente di epoche ben diverse, riesce a mantenere collegato il filo conduttore del pensiero pirandelliano con l’interpretazione moderna, un continuo che porta lo spettatore a immergersi nello spirito della commedia e nelle contraddizioni sociali e storico culturali dell’epoca.

Pensaci Giacomino Film

La Commedia di Luigi Pirandello Pensaci Giacomino altre che essere rappresentata nei Teatri è anche stata trasposta un Film nel lontano 1936.

Il Film Pensaci Giacomino è stato diretto dal Regista Gennaro Righelli, ovviamente in bianco e nero, data l’epoca, della durata di 76 minuti.

La parte oggi interpretata in Teatro da Leo Gullotta nel film era affidata all’attore Angelo Musco.

Riassunto Pensaci Giacomino

Pirandello in questa commedia ha voluto rappresentare il dramma, tale era all’epoca, di una ragazza che resta incinta del suo fidanzato che non ha, però, i mezzi per poter avere in sposa la ragazza né poter crescere il figlio che, peraltro, non ha il coraggio di affrontare come responsabilità.

Il Professor Toti è un insegnante che decide di accogliere la ragazza e di sposarla per poterle garantire un futuro con il bambino anche dopo la sua morte, grazie alla sua pensione.

Sotto lo stesso tetto anche il giovane padre del bambino, Giacomino, che dopo tempo, sente un sussulto di responsabilità ed orgoglio e lascia la casa del Professor Toti per andare a vivere con il figlio e la ragazza per costituire una vera famiglia.

Tanti pregiudizi e scandali nella società in cui la Commedia è ambientata ma il lieto fine giunge anche con un po’ di amarezza e tante riflessioni nello spettatore.

Commento Pensaci Giacomino

Pensaci Giacomino ti porta nella società siciliana del 1915, una società particolarmente dura e che considerava le donne come esseri meno importanti degli uomini, una società fortemente patriarcale e con valori che oggi, per fortuna da un certo punto di vista, non ci sono più.

Questa commedia rappresenta una condanna da parte di Pirandello verso una società becera dove la calunnia, il dissacro e il bigottismo la fanno da padroni in uno Stato che fino a pochi decenni fa assolveva chi uccideva per “Onore”.

Dove assistere alla commedia

Pensaci Giacomino è stato già rappresentato in numerose città tra cui ricordiamo Roma, Catania, Campobasso e a gennaio arriverà anche al Teatro Radar di Monopoli, in Puglia nell’ambito della programmazione teatrale 2018/19, in un cartellone curato da Teresa Ludovico.

Il Comune di Monopoli ha affidato al Consorzio Teatri di Bari la gestione della nuova programmazione culturale della cittadina pugliese.

Hai trovato interessante questo articolo? Commentalo subito e seguici su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *